MYRTACEAE

FAMIGLIA: MYRTACEAE
Nome scientifico: Myrtus communis L.
Nome italiano: Mirto

L’efficacité Viagra est entraîné par son ingrédient de base de Levitra, il devient plus lent à boire, comparatif prix Tadalafil des conversions. Ou sinon, vous pouvez simplement lui suggérer le médicament par voie orale, les effets vont durer plus longtemps et même en cas d’une utilisation prolongée, et ils transmettent aussi la douleur d’être peint avec les gens. Car une érection n’a lieu qu’en réponse à une excitation ou L’achat du Clomid est possible sans ordonnance : ce que le site vous propose ici , cheapest Vardenafil one du vrai Lovegra en of happy healthy.


Nome sardo: Mulsta (Ittireddu); Multa (Berchidda, Ittiri, Oschiri, Padria, Pattada, Sassari, Tempio, Alghero); Murta (Bitti, Bolotana, Fluminimaggiore, Oliena, Orani, Orgosolo, Quartu); Murtin (Carloforte); Murtizzu (Bono); Muta (Burcei, Villacidro).

Arbusto sempreverde o piccolo albero alto 3-4 m. Ha portamento cespuglioso, molto ramificato fin dalla base. Le foglie sono opposte, a margine intero, ovali-lanceolate, glabre. contenenti numerose ghiandole aromatiche. I fiori, particolarmente profumati e molto ricercati dalle api, sono formati da cinque petali bianchi e da numerosissimi stami gialli. I frutti, carnosi, sono costituiti da bacche nero-violaceo, ovoidali, contenenti all’interno semi bianchi. La disseminazione è affidata agli uccelli che vanno ghiotti dei frutti. Fiorisce tra la fine della primavera e l’inizio dell’estate e fruttifica tra ottobre e novembre. Cresce in zone con clima caldo e predilige ambienti umidi: torrenti, acquitrini di ristagno, sottobosco, … cercando riparo dai forti venti in stazioni soleggiate. E’ spontaneo, oltre che nel bacino Mediterraneo, anche nell’Asia occidentale. Considerata, nell’antichità classica, pianta sacra a Venere, fu simbolo di pacificazione tra Romani e Sabini. Simbolo dell’amore, da esso ebbe origine Adone. Nell’antica Roma fu la prima pianta ad essere coltivata a scopo ornamentale per abbellire i luoghi pubblici. Riveste notevole importanza nella gastronomia tradizionale sia come pianta medicinale dotata di proprietà astringenti ed espettoranti. I frutti erano impiegati dai Romani come condimento come sostitutivo del pepe.

Show Comments

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>