EUPHORBIACEAE

FAMIGLIA: EUPHORBIACEAE
Nome scientifico: Euphorbia dendroides L
Nome italiano: Euforbia arborea

Nome sardo: Latturigu (Alghero, Berchidda); Lua (Burcei, Fluminimaggiore); Sculacacca (Orgosolo); Titimbaru (Loiri); Lua de Monte, Luba de Monte, Runza de Monte.

Arbusto  legnoso, perenne alto da 50 cm a 2 m di altezza. E’ una specie caducifoglia, cespugliosa, con ramificazioni, rigide, prive di foglie nella parte inferiore. Le foglie presenti nell’estremità superiore dei rami, assenti nel periodo estivo, sono alterne oblunghe lanceolate. L’infiorescenza, ad ombrella, di colore giallo è rappresentata da 3-8 raggi bifidi. Il frutto è formato da una capsula trilobata, contenente semi ovoidali (3 mm), bruno-scuri. Fiorisce in febbraio-marzo e fruttifica in maggio-giugno. Ha come areale di distribuzione la regione mediterranea temperato-calda. Viste le diverse tonalità di colore che la pianta può assumere nei diversi periodi vegetativi, che vanno dal verde chiaro autunnale, al giallo della fioritura primaverile, al rosso estivo, rende suggestivo e unico il panorama in cui vive. Facilmente riconoscibile per il portamento semigloboso, la si può osservare in ambienti degradati e aridi della macchia e della gariga in associazione a cisto e lentisco, talvolta divenendo dominante. E’ una specie resistente sia alla siccità che agli incendi. E’ conosciuta soprattutto per il lattice bianco e velenoso ed era utilizzata per la pesca di frodo per avvelenare i corsi d’acqua. Ha come areale di distribuzione la regione mediterranea temperato-calda.

Show Comments

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>