RHAMNACEAE

FAMIGLIA: RHAMNACEAE
Nome scientifico: Rhamnus alaternum L.
Nome italiano: Alaterno

Nome sardo: Aladerru (Bolotana, Bono, Sassari); Aliderru (Alghero); Araru masciu (Alghero); Asuma (Torpé); Labru areste (Nuoro); Laru areste (Bono); Laru masciu (Ittiri, Padria); Linna nighedda (Orani); Sasima (Tempio); Tasaru (Fluminimaggiore, Laconi, Isili).

Arbusto o piccolo albero sempreverde alto 1-6 metri, con ramificazioni flessibili e tenaci. Le foglie (3-7 cm), di colore verde scuro lucido, sono semplici, alterne con margine intero o seghettato e leggermente ispessito. I fiori, unisessuali, maschili e femminili distinti su piante diverse, sono riuniti in mazzetti e situati nell’intersezione della foglia sul ramo ed emanano un odore sgradevole. I frutti, sono drupe rotondeggianti di colore rosso intenso che a maturità diventano nerastre. Fiorisce a febbraio – aprile e fruttifica in estate, mantenendo il frutto fino all’inverno. E’ una specie eliofila che vegeta in luoghi soleggiati, nelle spaccature delle rocce, lungo le siepi, resistendo ai forti venti e a suoli aridi e sterili. E’ presente nella macchia bassa, in associazione con lentisco e fillirea, ed entra a far parte della macchia foresta insieme a leccio e corbezzolo. Pur avendo una crescita lenta è spesso coltivata come pianta ornamentale per giardini e parchi visto l’aspetto decorativo del fogliame e il portamento di piccolo alberello che assume. Conosciuta fin dall’antichità per le proprietà tintorie era usata per imprimere ai tessuti varie tonalità di giallo.

Show Comments

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>