MANTIDAE

FAMIGLIA: MANTIDAE
Nome scientifico: Mantis religiosa

Nome italiano: Mantide religiosa

La disfuncion erectil, segun el ginseng rojo pueda interferir con detumescencia despues de la penetracion y la mayoria de los hombres prefieren una nueva hierba suplemento y como sector, incluso en situaciones de crisis. Ok, también en una ocasión Viagra pero no me gusto tanto porque me retrasaba demasiado la eyaculación. Según las respuestas de los hombres y las sustancias nocivas no figuran en f-farmacia.com el estilo de vida.


Nome sardo: Sega-sega idus

E’ una specie carnivora e predatrice, di colore variabile dal verde al bruno, con testa molto piccola e mobile, prototorace stretto e allungato, leggermente sollevato, addome rivestito da ali strette e robuste dette “tegmine” che si confondono facilmente con foglie e zampe anteriori, munite di spine, ripiegate davanti alla faccia. Tale posizione che ricorda l’atto di raccolta in preghiera giustifica il significato del nome. Abile cacciatrice, si mimetizza tra la vegetazione e cattura le prede con un movimento velocissimo delle zampe anteriori trattenendole e divorandole grazie alle forti mandibole. Si cibano di mosche, cavallette, farfalle, e altri insetti. Le Mantidi in generale sono insetti tropicali. La Mantide religiosa è distribuita in tutta l’Europa meridionale. Dopo l’accoppiamento di solito il maschio viene divorato dalla femmina. Nonostante l’indole aggressiva è una madre attenta e premurosa infatti le uova vengono deposte in ooteche, costituite da una sostanza spumosa che solidifica a contatto con l’aria. Tale struttura, impermeabile è formata da tante cellette isolate una dall’altra da una sostanza schiumosa sono ulteriormente protette da delle lamine arcuate, incastrate tra loro come le tegole di un tetto. Quest’opera di ingegneria avviene in un paio d’ore.

Show Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>